Storia dell'arte di Calabria

Brevi note di Domenico Pisani - Storico dell'Arte

LA PREISTORIA E LA PROTOSTORIA

La più antica testimonianza artistica presente in Calabria è il graffito rupestre della Grotta del Romito di Papasidero, raffigurante un bovide, lungo circa 120 cm, databile al Paleolitico superiore. Il disegno, vigoroso e maestoso, è caratterizzato dalla resa sicura dei particolari anatomici.

Inoltre, insediamenti preistorici, paleolitici e neolitici, con interessanti officine per la lavorazione delle selci, sono sparsi in tutta la regione: tra i tanti, vanno segnalati certamente i graffiti zoomorfi della valle del Lao.

Tra il 1400 e il 1150 a. C. l'attuale Calabria fu abitata da enotri, ausoni, siculi ed achei. Dalle tante tradizioni leggendarie emerge la figura di Italo, descritto da Aristotele (Politica, VII, 10, 2-3) come re degli Enotri, genti che presero in seguito il nome di Itali. Il regno, denominato Italia, era compreso tra il golfo di Sant'Eufemia e il golfo di Squillace. la leggenda, a schema eponimico, ebbe larga diffusione, e il termine "Italia" passò a designare, già nel IV secolo a. C., il territorio compreso tra il fiume Lao e il territorio di Metaponto, estendendosi, successivamente, all'intera penisola.

Grotta Cosenza - Arte preistorica

® Vacanzeincalabria.it è un prodotto Paperbit
Partita Iva 02673660797 Circuito VIC Vacanzeincalabria.it
All Right Reserved

Share this page

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Tag Cloud


zambrone parghelia ricadi capo vaticano

Register your property (2)